Terzo Tempo - Terzo Tempo

Terzo Tempo di Flavia Carletti

RSS Feed

Rugby Love: la coppa del mondo 2007 raccontata in 101 fotografie

COVER È stato pubblicato un libro fotografico dedicato alla palla ovale dall'evocativo titolo “Rugby Love”. L'autore è Marco Turchetto che ha scattato le 101 fotografie inserite nel volume edito da A.CAR. Edizioni di Lainate (MI). Nella quarta di copertina l'ex mediano di mischia azzurro Alessandro Troncon, oggi nello staff della nazionale azzurra, ha commentato: Il rugby raccontato e vissuto nella sua totalità dall’amico Marco – dentro e fuori dal campo – nella sua massima espressione: l’ultima Coppa del Mondo disputatasi in Francia”. Per promuovere il libro sono previste alcune presentazioni nei mesi di gennaio e febbraio (altre ne seguiranno a marzo e aprile):

27 gennaio presso CUS Rugby Perugia

29 gennaio presso il Rugby Rho con Marco Pastonesi, giornalista della Gazzetta dello Sport

4 febbraio alle ore 18 presso la libreria Feltrinelli International in piazza Cavour a Milano con Massimo Giovanelli, ex capitano della nazionale italiana di rugby negli anni Novanta, e Adalberto Ambrosio (delegato Fir)

12 febbraio alle ore 17 a Roma presso Libreria Pagine di Sport in va Tadolini 7/9 vicino a Piazza Mancini con Fiamme Oro, ex Rugby Roma, e alcuni dello staff della nazionale.

26 febbraio presso Rugby Monza

Marco Turchetto ha giocato a rugby come seconda linea per Benetton Treviso, Tarvisium, Mogliano, Fiamme Oro, CUS Perugia, CUS Roma, ASR Milano e Rugby Rho. Una volta finito la carriera da giocatori ha continuato a frequentare il campo come fotografo, ma solo per hobby. Per lavoro si occupa si occupa di ufficio stampa e realzioni esterne. Il libro cerca di raccontare quattro elementi che per Turchetto sono fondamentali nel mondo dello sport:

Famiglia: dopo aver proposto a mia moglie un romantico weekend a Parigi, una volta atterrati ed in direzione dell’hotel prenotato per il nostro soggiorno, le ho chiesto gentilmente di accelerare il check-in in quanto mi ritrovavo casualmente due biglietti per la cerimonia di inaugurazione e per la partita inaugurale Francia-Argentina! Abbiamo trascorso 4 giorni splendidi nella dolce capitale francese (mi sono ritrovato in tasca anche altri 2 biglietti per Sudafrica-Samoa..) all’insegna della spensieratezza e dell’amicizia con popoli di ogni parte del mondo.

Amicizia: con il mio amico Diego (gli son stato testimone di nozze e anche lui lavora in Questura a Milano) ho assistito alla partita Italia-Portogallo che avevamo ritenuto facile abbastanza da non dover soffrire troppo, permettendoci così due giorni allegri ritrovando i giocatori della nazionale italiana, alcuni dei quali ottimi compagni di passate avventure.

Professionalità: ho trascorso 22 giorni da solo in Francia per fotografare alcuni incontri che si sono tenuti a Parigi, Bordeaux, Toulouse, Montepellier e Marseille dove ho potuto frequentare le sale stampa con fotografi provenienti da tutto il mondo e riuscendo, da novizio, ad effettuare brillanti scatti durante le partite di Australia, Irlanda, Georgia, Namibia, Francia, Fiji, Canada e Giappone.

Spirito Amatoriale: il giorno della finale Sudafrica-Inghilterra, invece di recarmi a Parigi mi sono presentato a Torino! Ebbene sì, un vecchio amico inglese, ex giocatore anche lui, aveva organizzato il tour italiano di una scuola inglese di ragazzi 15enni proprio negli stessi giorni e m’aveva chiesto se potevo gentilmente organizzare un incontro amichevole con una squadra piemontese. Presi gli accordi con il CUS Torino, manifestatasi straordinaria società sotto l’aspetto organizzativo e sotto l’aspetto umano, i ragazzi inglesi, alla vigilia del loro incontro amichevole, sono stati invitati nella club house del CUS Torino per cenare assieme agli avversari e vedere tutti e 50 la partita alla tv. E’ stato alla fine il modo migliore per assistere alla finale, con 50 rugbysti di diversa età ma di spirito puro.

Su Facebook c’è una pagina dedicata al libro http://www.facebook.com/pages/RUGBY-LOVE/217071091314?ref=mf

Commenti

Ho comperato il libro al Salone di Torino. Mi è piaciuto. Stupende le foto