Terzo Tempo - Terzo Tempo

Terzo Tempo di Flavia Carletti

RSS Feed

Celtic League, addio ai sogni celtici di Benetton Treviso e Aironi

L’Italia deve dire addio alla Celtic League. La Federazione italiana rugby ha interrotto le trattative con il Board della Lega Celtica a causa delle eccessive richieste economiche fatte al nostro Paese. In particolare, spiega la Fir ha ritenuto tali richieste inaccettabili anche perché rivolte a esclusivo beneficio delle sole selezioni già partecipanti alla competizione. Gli Aironi e la Benetton Treviso non potranno più aspirare quindi a giocare dal campionato 2010/2011 insieme alle franchigie di Galles, Irlanda e Scozia.
Ciò che più mi rincresce – ha dichiarato il presidente della Federazione italiana rugby Giancarlo Dondi – è che queste richieste siano emerse solo nella fase finale delle trattative. Nel caso fossimo stati messi preventivamente a conoscenza delle eccessive pretese economiche del Board della Magners Celtic League avremmo evitato un lungo e laborioso percorso. Questa amara decisione, che deriva dal solo intento di preservare la dignità del rugby italiano, non può e non deve in nessun modo rappresentare un freno alla crescita del movimento rugbistico nel nostro Paese. Se non si verificheranno ripensamenti da parte del Board celtico sono sicuro che, attraverso percorsi alternativi, riusciremo comunque a raggiungere i traguardi che con grande serietà e perseveranza ci siamo prefissati. Nei prossimi mesi lavoreremo con ancor maggiore intensità e impegno per far sì che le competizioni nazionali possano essere sempre più formative per l’alto livello e appetibili per gli sponsor e il grande pubblico”.