Terzo Tempo - Terzo Tempo

Terzo Tempo di Flavia Carletti

RSS Feed

Sei Nazioni, black out Italia, la Francia vince 46 a 20

Tutti gli errori che l’Italia non aveva commesso nelle prime tre partite del Sei Nazioni 2010 si sono concentrati nei 30 minuti iniziali del match con la Francia. Di fronte alla squadra più forte del torneo, che marcia a passo deciso verso la vittoria di questa edizione con la possibilità di fare il grande slam, l’Italia ha perso la testa. Sarà come ha detto Mauro Bergamasco che “c’è sempre una strana pressione che caratterizza gli incontri con la Francia e che ha minato la nostra fiducia”, però gli azzurri hanno avuto più di un momento di black out. Lasciando lo stadio i giocatori italiani hanno detto che non c’è stato alcun passo indietro, piuttosto “è stato un incidente di percorso”, ha commentato Mauro, oppure “una esperienza”, ha aggiunto il fratello minore Mirco. Sta di fatto che il 46 a 20 finale appare quasi troppo generoso di fronte alla prestazione dell’Italia, che ha mancato in difesa, di solito uno dei suoi punti di forza, e in fasi di gioco fondamentali come le touche. Il XV di Nick Mallett è riuscito a risollevarsi solo grazie all’energia portata in campo dai nuovi entrati: non a caso le mete sono state di Pablo Canavosio (che ha rilevato Tito Tebaldi) e Carlo Antonio Del Fava (in campo al posto di Marco Bortolami), il quale ha ricevuto il pallone da un altro panchinaro, Paul Derbyshire. Forse Mallett dovrebbe tenerne conto quando farà la formazione per il match con il Galles, l’ultimo del Sei Nazioni 2010.