Terzo Tempo - Terzo Tempo

Terzo Tempo di Flavia Carletti

RSS Feed

Operazione flanker, arrestato giocatore-spacciatore

Operazione Flanker. Purtroppo non si tratta di qualche iniziativa sportiva ma del nome dato dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Piacenza a una operazione antidroga. La scelta del nome deriva dal fatto che una delle persone coinvolte e arrestate questa mattina gioca a rugby nel ruolo di flanker. I carabinieri hanno condotto una attività che ha portato all’arresto di 35 persone (17 ordinanze di custodia cautelare e 18 arresti in flagranza di reato), alla denuncia di altri 40 indagati, alla segnalazione di 184 assuntori e al sequestro di circa 10 chilogrammi di sostanze stupefacenti di alto grado di qualità e purezza. L’operazione si è allargata anche alle province di Parma, Varese, Pavia, Lodi e Milano, m,a l’indagine è coordinata dalla procura della Repubblica di Piacenza. L’inchiesta è partita nel 2010 e ha tratto origine dal monitoraggio di un gruppo di trafficanti albanesi operanti tra l'Emilia e la Lombardia che hanno consentito di scoprire un importante giro di cocaina legato al mondo del rugby e ai concerti. Un ruolo chiave nella vicenda lo avrebbe avuto, Nereo Filippo Maserati, detto "Pippo braccio" nato nel 1971, flanker della sua squadra, insieme alla sua compagna Maria Chiara Borella, campionessa di body building (campionessa italiana categoria over 52 chilogrammi di natural body building e vice campionessa europea). Nell’indagine risultano coinvolti, a vario titolo, 13 giocatori di rugby di squadre di serie A, B e C.

Commenti

Da rugbista e da ex buttafuori (per arrotondare quando studiavo all'università) per quello che ho potuto leggere sull'argomento, ho la sensazione che questa storia abbia molto più a che fare col buttafuori che col rugbysta. E' il marcio ad aver conquistato i giocatori di una squadra di rugby, non è il rugby ad aver ospitato il marcio. Le persone possono essere buone o cattive, intelligenti o stupide, rette o disoneste. Non gli sport.
anche io non credo che sia un problema di rugby. Però fa impressione pensare al fatto che 13 giocatori siano coinvolti in questa vicenda. Flavia